News 

DB Super Film 2018: una storia “tra il passato e il presente”, dettagli sul coinvolgimento di Toriyama

Il Dragon Ball Official Site, il sito ufficiale di Dragon Ball gestito da Shueisha, ha dato il via a una speciale campagna promozionale per l’attesissimo film cinematografico di “Dragon Ball Super”. Dal nome “Dragon Ball Movie Frontline“, la campagna offrirà a ritmo settimanale informazioni riguardo la pellicola, dividendosi tra annunci ufficiali, interviste con lo staff e retroscena della produzione. L’appuntamento è previsto ogni Domenica mattina alle ore 9:00, omaggiando quello che fino allo scorso 25 Marzo è stato l’orario di trasmissione della serie animata di Super sul canale FujiTV.

Protagonista del primo approfondimento è Akio Iyoku, redattore capo della rivista V-Jump e leader del progetto Dragon Ball Room per la Shueisha. Intervistato dall’Official Site, Iyoku ha avuto modo di svelare i primi retroscena in merito alla trama e alla produzione del film, compresi il coinvolgimento e le direttive date dal maestro Akira Toriyama.

Akio Iyoku, redattore capo della rivista V-Jump e leader del progetto Dragon Ball Room per la Shueisha

 

Come già noto, la trama scaverà nel passato dei Saiyan e ci racconterà “un episodio successo molto tempo fa”. La pellicola avrà una locazione temporale “mista”, ovvero vedrà una narrazione che racconterà eventi del presente e del passato, offrendo in questo modo ambientazioni multiple.

Akio Iyoku: Non è un film con una storia lineare: ci saranno degli eventi nel presente, altri nel passato e le ambientazioni saranno multiple. Penso si possa dire che sarà una gigantesca “Space Opera”.

La storia del film, quindi, sembra alternerà una narrazione che passerà dal presente dopo il Torneo del Potere di Dragon Ball Super al passato dei Saiyan. Ma in che modo? Purtroppo Iyoku specifica di avere la bocca cucita in merito ai precisi dettagli, ma promette che la trama scritta da Akira Toriyama non mancherà una certa dose di “fan service” inteso sul concetto di contenuto apprezzato dai fan in generale. Dopotutto, promette ben più azione ed entusiasmo rispetto quelli offerti da Dragon Ball Super, con una battaglia che vuole superare in termini di emozione perfino quella di Jiren contro il Settimo Universo e un impatto perfino superiore a quello dei film La Battaglia degli Dei e La Resurrezione di F.

Parlando proprio del coinvolgimento di Akira Toriyama, oltre la sopra citata idea e stesura di una storia incentrata sui Saiyan, il maestro ha fornito alla produzione più di venti fogli, ciascuno con sopra 2 / 3 personaggi l’uno o il design rifinito al dettaglio di alcuni macchinari. Inoltre, ha realizzato un intero nuovo pianeta che farà da farà da ambientazione agli eventi del film.

Akio Iyoku: In termini di quantità, sono più di 20 fogli. All’interno di un foglio sono inclusi 2/3 personaggi, come anche alcuni design meccanici. Il maestro ha disegnato anche un pianeta che farà da ambientazione [agli eventi del film]; è un mondo totalmente nuovo che la nostra immaginazione non riesce a concepire.

Il nuovo character design, che possiamo ammirare nel teaser trailer di seguito, cerca di avvicinarsi all’attuale stile di disegno di Akira Toriyama e ai colori del manga originale. Il maestro ha avuto totale voce anche nel nuovo aspetto grafico e nella scelta del character designer. Per le audizioni che Toei Animation ha tenuto, infatti, ha chiesto di prestare attenzione alle capacità artistiche di base dei candidati: se fossero in grado di rendere accattivante un personaggio disegnato di fronte e in piedi, e se sapevano come riprodurre l’anatomia di un corpo con una divisa indosso. Alla fine, è stato proprio il maestro a scegliere personalmente Naohiro Shintani.

Vi invitiamo ad approfondire quanto sopra riportato e scoprire ulteriori dettagli in più sulla visione di Iyoku sul film, sulla trama e il coinvolgimento del maestro Akira Toriyama nel Q&A completo, che vi alleghiamo di seguito tradotto interamente dal nostro Editor Team.

 

AKIO IYOKU SUL FILM DI DRAGON BALL SUPER

Intervista originale giapponese

 

COM’E’ NATO IL PROGETTO [DEL FILM]?

 

Q: Al Jump Festa 2018 tenutosi lo scorso Dicembre avete annunciato ufficialmente il nuovo film cinematografico di Dragon Ball Super. Qual è stato il responso del pubblico?

Iyoku: Non avendo mai accennato alla produzione di un film prima del Jump Festa, la maggior parte del pubblico è rimasta sorpresa dalla notizia. Avendo scelto di collegarlo a “Dragon Ball Super”, ho voluto fare l’annuncio prima della fine della serie animata e credo proprio che il fatto che nessuno se l’aspettasse abbia giocato a nostro favore, facendo una buona impressione.

 

Q: Per favore, ci racconti delle circostanze che hanno portato alla produzione di un nuovo film.

Iyoku: Nel 2016 alla Shueisha abbiamo deciso di aprire un dipartimento denominato “Dragon Ball Room” tramite il quale abbiamo avuto l’occasione di discutere dei futuri sviluppi del brand. Sono davvero grato a tutti coloro che hanno collaborato alla realizzazione del manga originale, che è diventato la base degli sviluppi attuali del franchise. Un’opera come Dragon Ball, che continua a mantenere la sua popolarità anche a livello internazionale nonostante il passare degli anni, ha davvero un grande valore. Non possiamo permettere che una serie simile, arrivata fin qui grazie all’aiuto di moltissimi miei colleghi, finisca definitivamente con la serie anima di Dragon Ball Super. È stata volontà comune all’interno di tutto lo staff proseguire questo film per collegare Dragon Ball anche a [ciò che verrà] in futuro.

 

Q: Dopotutto, Dragon Ball è una serie popolare da ben 30 anni.

Iyoku: Esatto; è una cosa su cui ho riflettuto quando è stata creata la Dragon Ball Room. Dragon Ball è sempre riuscito ad affascinare il pubblico “con le sue sole forze”, tuttavia non possiamo fare affidamento solo su questo per il futuro e dobbiamo essere proattivi, avendo un occhio di riguardo per i nuovi fan. Oltre a questo, non dobbiamo mai dimenticare che Dragon Ball è un prodotto del maestro Toriyama, pertanto è necessario che venga coinvolto in tutti i progetti che riguardano il franchise. Per questo, non importa quanto a noi possa piacere un progetto, come ad esempio un film cinematografico: se il maestro Toriyama dice “No”, dobbiamo fermarci lì… O meglio, per esempio, non dobbiamo farci odiare da lui *ride*.

 

Q: E’ stato specificato che il maestro Toriyama è coinvolto nella produzione del nuovo film.

Iyoku: Sì. Allo stesso modo del precedente film cinematografico “Dragon Ball Z La Resurrezione di F”, il maestro Toriyama ha scritto la sceneggiatura. Per la serie animata televisiva di Dragon Ball Super, inoltre, ha fornito la trama della storia principale e credo sia davvero importante continuare a lavorare insieme a lui con questa configurazione, seguendo le sue precise direttive.

 

 

UNA NUOVA STORIA SCRITTA DA AKIRA TORIYAMA

 

Q: In che modo state comunicando con il maestro Toriyama per la fase di produzione?

Iyoku: Principalmente via e-mail, ma ogni due mesi abbiamo modo di incontrarlo direttamente per una riunione generale dal vivo. Tutto è cominciato all’incirca nella primavera 2017, quando ho proposto al maestro Toriyama una serie di idee per un nuovo film. Nonostante pensassi che la maggior parte non fossero da scartare, in qualche modo gli sono servite per prendere qualche spunto e a farlo riflettere. Una volta che fu deciso di incentrare la storia sulla razza Saiyan, le cose sono procedute più velocemente. Forse per il maestro Toriyama, è più facile raccontare [scrivere di suo pugno inizio-sviluppo-fine, ndt.]  una storia in due ore piuttosto che farlo per una serie televisiva a lunga durata.

 

Q: Quindi, quando è stata decisa effettivamente la sceneggiatura?

Iyoku: Credo fosse… Maggio dello scorso anno? All’inizio il maestro Toriyama era preoccupato che la storia fosse troppo corta, così ha cominciato ad arricchirla accumulando una serie di episodi. Solo che alla fine è diventata fin troppo lunga (ride). Al momento, Toei Animation sta cercando di unire il tutto nella maniera più armoniosa possible (ride).

 

Q: In quanto fan, sapere che è stato il maestro Toriyama a scrivere la sceneggiatura alza moltissimo le mie aspettative.

Iyoku: Credo che il coinvolgimento del maestro Toriyama fosse uno dei nostri più importanti prerequisiti, altrimenti avremmo rinunciato. Tutti conosciamo i personaggi di Dragon Ball e tutti potremmo anche creare autonomamente degli episodi in cui interagiscono tra di loro, ma solo il maestro Toriyama sa come maneggiare i suoi personaggi e gestirne le peculiarità in termini di dialogo. Ad esempio, piazzare “la gag definitiva” con un tempismo che nessuno si sarebbe mai aspettato… e risulterebbe efficace proprio per questo (ride). Anche in termini di combattimento, [Dragon Ball] finisce per diventare qualcosa di spaventosamente serio quando lasciato alla regia a altre persone. Tuttavia, non è questa la visione del mondo di Dragon Ball e – come parte del loro fascino – i personaggio riescono a esprimere empatia e supporto dopo e durante il combattimento.

 

Q: Mi domando da quale parte del maestro Toriyama derivi il sopra citato fascino dell’opera.

Iyoku: Ciò che si percepisce quando è al lavoro, è che il maestro Toriyama non diventa mai troppo serio, in senso buono. È una sorta di “leggerezza” che gli permette di non accumulare teorie e bozzetti quando crea le cose; una leggerezza che generalmente gli altri non dimostrano. Lui riesce ad andare oltre tutte le limitazioni che in molti esprimono quando si fa un lavoro creativo… E non solo riesce a farlo, ma con i propri tempi e senza sentirsi in qualche modo forzato; è straordinario.

 

Q: Solitamente, infatti, si tende a partire pensando ai bozzetti.

Iyoku: Anche il maestro Toriyama ammette di fare così, ma molto probabilmente il suo modo di delineare i bozzetti è diverso. Nella sua testa, l’immagine del personaggio di Goku è sempre la stessa, ma non è rigida secondo me. Ogni tanto, la gente si stupisce di un nuovo design, ma penso sia qualcosa che si collega perfettamente e in modo naturale all’immagine di Goku che ha il maestro Toriyama. Non ci sono motivazioni o teorie precise: è così. Per fare un esempio, anche il matrimonio di Bulma e Vegeta, a cui nessuno ha mai nemmeno pensato, per il maestro Toriyama era qualcosa di inevitabile. Penso che nella sua immaginazione col tempo Bulma e Vegeta finiranno per sposarsi, mentre Crilin e N.18 sono già convolati a nozze.

 

Q: Per questa nuova pellicola il maestro Toriyama non solo ha scritto la sceneggiatura, ma, come indicano gli annunci, ha disegnato un numero consistente di personaggi.

Iyoku: Esatto, questa volta ne ha disegnati veramente tanti. Mi sa che è la prima volta che succede per un film cinematografico. In termini di quantità, sono più di 20 fogli. All’interno di un foglio sono inclusi 2/3 personaggi, come anche alcuni design meccanici. Il maestro ha disegnato anche un pianeta che farà da ambientazione [agli eventi del film]; è un mondo totalmente nuovo che la nostra immaginazione non riesce a concepire.

 

Q: In quanto fan, sentire che il maestro ha realizzato dei design meccanici e persino un pianeta, mi riempie il cuore di gioia!

Iyoku: Già. Riguardo agli strumenti meccanici che ha disegnato, il maestro Toriyama è stato molto dettagliato. Se ci sarà l’occasione, ci piacerebbe pubblicare di volta in volta i design sheet che il maestro ha realizzato per noi, perciò non lasciateveli scappare. Ah, questa volta i personaggi femminili… inclusa Bulma… sono particolarmente carini, perciò spero che vi piacciano!

 

 

AKIRA TORIYAMA HA APPROVATO IL NUOVO CHARACTER DESIGN

 

Q: La visual del nuovo film è stata annunciata al pubblico, insieme a un teaser trailer.

Iyoku: Penso che l’avrete notato guardando sia la visual che il teaser, ma per quest’occasione abbiamo rinnovato il character design, che non è più quello della serie animata. Finora pensavamo che mantenere una certa continuità nel design fosse giusto, ma con la fine della serie animata e l’arrivo di un film di “Dragon Ball Super”, abbiamo riflettuto su diverse cose e speriamo che le nostre sfide verranno accettate dai fan.

 

Q: Qual è il motivo che ha portato un rinnovo del character design?

Iyoku: Lo stile di disegno dello stesso maestro Toriyama in Dragon Ball è cambiato e, rispetto al passato, è più snello. Il design rispecchia l’attuale immagine di Dragon Ball che ha il maestro, e i colori si avvicinano a quelli del manga originale. Guardando alle reazioni, sembra che il pubblico abbia reagito dividendosi in due fronti: chi dice che “è più fedele all’originale” e chi dice che “è qualcosa di completamente estraneo”. In realtà, c’è una grossa parte che non si è ancora schierata e non si sa da che parte stia, però spero che gli “innovativi” e i “nostalgici” possano amalgamarsi bene tra loro.

 

Q: Come è stato scelto il nuovo character designer Naohiro Shintani?

Iyoku: Innanzitutto, sotto forma di audizioni , sono state esaminate molte persone con i loro design. Per quanto riguarda lo stile, una delle cose su cui il maestro Toriyama ci aveva detto prestare attenzione era se [i candidati] fossero in grado di disegnare i personaggi in piedi e di fronte in maniera accattivante. Devo ammettere che è stato molto difficile, perché generalmente quando un personaggio viene disegnato di profilo appare accattivante, ma molto spesso accade che non lo sia altrettanto quando viene disegnato di fronte. Ciò che importava [al maestro] non era se fossero in grado di disegnare bene il viso di Goku, poiché se avessero davvero abilità artistiche avrebbero potuto impararlo in seguito; innanzitutto, era necessario prendersi cura degli aspetti fondamentali.

 

Q: Oltre a questo, ci sono altri punti su cui il maestro Toriyama si è soffermato  in particolare?

Iyoku: Ad esempio, il maestro Toriyama ha controllato personalmente e in maniera dettagliata l’equilibrio del corpo, per vedere sei i canditati avessero compreso come funziona [come va riprodotto] il corpo all’interno di una divisa / una uniforme. Alla fine, il maestro ha scelto personalmente Shintani come nuovo character designer. Dato che il signor Shintani si abitua velocemente a disegnare [stili diversi], sta diventando progressivamente sempre più abile sul tratto di Dragon Ball. Anch’io non vedo l’ora di vedere i suoi risultati.

 

 

AI FAN DI TUTTO IL MONDO!

 

Q: Quando è stato annunciato il nuovo film, il sito ufficiale ha ricevuto una valanga di visite da tutto il mondo. Avete preso in considerazione anche la prospettiva internazionale?

Iyoku: Quando abbiamo iniziato a lavorare al film uno degli aspetti sui quali puntavamo era la volontà farlo arrivare ai fan di tutto il mondo. Siamo consci della popolarità del franchise all’estero, anche se c’è da dire che il grado di fama di cui gode la serie varia da nazione a nazione. Anche i tempi differiscono, per cui se possiamo dire che attualmente sta avendo un incredibile successo, fino a poco tempo prima non era così popolare. Perciò, senza fare di tutta l’erba un fascio affermando che “Dragon Ball è popolare anche al di fuori del Giappone”, penso che se si riuscisse a distribuire [il film] seguendo precisamente il trend di ogni area geografica potremmo permetterci “diverse altre cose”.

 

Q: Concretamente, che cosa avete intenzione di fare?

Iyoku: Dopo che la pellicola sarà ultimata, studieremo come distribuirla al meglio all’estero, anche perché la localizzazione richiederà molto tempo. Abbiamo incluso davvero tutto [/ogni aspetto] nella nostra tabella di marcia. Inoltre, dobbiamo considerare che questo è il primo film legato a Dragon Ball Super. All’estero la considerazione di Dragon Ball e Dragon Ball Z  è molto forte, però la serie di Dragon Ball Super è ora in onda quasi contemporaneamente in tutti i paesi e sta venendo accettata progressivamente contro nostra ogni aspettativa. Per questo abbiamo deciso di raccontare una storia legata alla serie di Dragon Ball Super e di sfruttare questo momento per diffonderla, rendendola anche un film.

 

Q: Ho sentito che i prodotti derivati [del franchise] sono piuttosto popolari anche all’estero.

Iyoku: Per quanto riguarda i giochi, stiamo lavorando anzitempo per uno sviluppo su scala globale. Più concretamente, sto parlando della serie Dragon Ball Xenoverse e il più recente Dragon Ball FighterZ uscito a Febbraio. Sono stati programmati fin fall’inizio per una diffusione mondiale e dall’idea di sviluppare un titolo per l’entrata ufficiale negli EVO. Ma non solo attraverso i giochi, Dragon Ball continuerà ad acquisire sempre più fan provenienti da tutto il globo.

 

IMPOSSIBILE ASPETTARE DICEMBRE! LE MERAVIGLIE DEL NUOVO FILM!

 

Q: Vorrei chiederle nuovamente quali sono le promesse di questo nuovo prodotto, che si conferma la ventesima pellicola cinematografica del franchise.

Iyoku: In realtà, anche se si tratta del ventesimo, non è che ci pensi troppo. Tuttavia, nonostante questo film segua lo stesso corso di Dragon Ball Z: La Battaglia degli Dei e Dragon Ball Z: La Resurrezione di ‘F’ , vogliamo portarlo a un gradino superiore rispetto ai precedenti. Grazie all’espansione dell’universo narrativo con la serie di Dragon Ball Super, immagino che tutti abbiano molte aspettative a riguardo. Perciò, questo film non solo supererà i precedenti e la serie di Dragon Ball Super, ma mostrerà qualcosa di ancora più interessante. E sono più che sicuro che le aspettative dei fan non verranno tradite.

 

Q: Quali sono secondo lei gli aspetti che andranno oltre i precedenti, che potremo vedere nel nuovo film?

Iyoku: I Saiyan, i nuovi personaggi, quelli vecchi e sicuramente tutti quegli elementi cari agli appassionati, che sono stati inseriti senza risparmiarsi. Nella sceneggiatura di Toriyama ci sono moltissimi contenuti che possono essere considerati “fan service” [NOTA: fan service inteso sul concetto di apprezzamento dei fan in generale. Non accenna in alcun modo a sensualità o erotismo, bensì ad elementi che possono riscontrare il consenso ed esaudire i desideri di un’importante fetta di fan, ndt]. Spero proprio che potrete apprezzarli anche voi.

 

Q: Riguardo ai Saiyan come tema centrale del film, può svelare qualche dettaglio della storia ai lettori del Dragon Ball Movie Frontline?

Iyoku: Uhm… In realtà è ancora un segreto… Quindi dirò giusto pochissimo.  Visto che si tratta dei Saiyan, si renderà necessario guardare al loro passato. Un episodio che riguarderà qualcosa successo molto tempo fa. Non è un film con una storia lineare: ci saranno degli eventi nel presente, altri nel passato e le ambientazioni saranno multiple. Penso si possa dire che sarà una gigantesca “Space Opera”. Essendo una storia su più livelli, poi, spero che gli spettatori potranno provare empatia per gli svariati personaggi che compariranno, divertendosi ogni volta che lo riguarderanno.

 

Q: Per i fan sembra un prodotto a dir poco entusiasmante!

Iyoku: Esatto. Inoltre, dato che comunque “Dragon Ball” racconta la storia di Goku, vorrei che la gente facesse attenzione a come si comporterà in questa nuova situazione. Penso che l’ultima battaglia sarà qualcosa di assolutamente fantastico. Supererà il senso delle battaglie precedenti, perciò spero che riuscirete ad apprezzarlo anche voi. Credo ci sarà talmente tanta azione che qui in Giappone la gente si sentirà inevitabilmente stupita ed entusiasmata allo stesso tempo.

 

Q: L’ultima battaglia della serie televisiva di Dragon Ball Super è stata davvero epica. Siamo oltre quel livello?!

Iyoku: Credo proprio di sì! Scommetto che finirete per ridere a crepapelle senza nemmeno rendervene conto grazie alle gag del maestro Toriyama (ride). Vorrei proprio che la gente non si trattenesse affatto. Dato che quest’opera è contraddistinta dall’umorismo che solo il maestro riesce a creare, spero che riescano ad apprezzarlo più persone possibili. In confronto ai film precedenti è stato tutto potenziato, perciò non ho alcun dubbio che vi divertirete a guardare questa nuova opera. Mi raccomando, non mancate!

Locandina del film

 

Atteso nei cinema giapponesi dal 14 Dicembre 2018, Il film cinematografico di Dragon Ball Super rappresenterà la 20° pellicola realizzata per il franchise generale di DB e il 1° film cinematografico di Dragon Ball prodotto per lo specifico brand di Super. Come sopra scritto, la pellicola vanterà il coinvolgimento diretto di Akira Toriyama, creditato alla trama, alla sceneggiatura e al character design. Il primo comunicato d’annuncio ha suggerito una storia che parlerà de “la razza guerriera più forte di tutto l’Universo: i Saiyan”, raccontando delle “origini” della loro forza. Per il momento, la première di Dicembre 2018 sarà limitata al solo Giappone, seppur lo staff di produzione abbia espresso il desiderio di permettere una release occidentale quanto più vicina possibile a quella orientale.

 

Fonte:

DRAGON BALL OFFICIAL SITE

Related posts