News 

Quasi tutte le opere di Akira Toriyama #381 – 2 Agosto 2019

Prosegue lo speciale progetto introdotto dal Dragon Ball Official Site, il sito ufficiale della serie di Dragon Ball gestito da Shueisha: “Quasi tutte le opere di Akira Toriyama” (鳥山明ほぼ全仕事), una sezione che ospita raro materiale riguardante il maestro Toriyama, proponendo interviste, illustrazioni, character design et similia. Questa sezione viene aggiornata (quasi) ogni giorno, ma mantiene i contenuti proposti per sole 24 ore. Rarità a tempo limitato!

Il post del 2 Agosto 2019, trecento-ottantunesimo aggiornamento del progetto, ci riporta ancora una volta al 2 Agosto 2012, ovvero all’originale uscita in Giappone su Wii del videogame multi-piattaforma “Dragon Quest X: Il Risveglio delle Cinque Razze – Online” (ドラゴンクエストX 目覚めし五つの種族 オンライン). Prodotto e sviluppato da Square Enix col supporto di Armor Project sul formato di un MMORPG, il titolo fa parte della lunghissima line-up della storica serie Dragon Quest ed è il decimo uscito per la linea narrativa principale, seppur venga principalmente ricordato come il primo episodio del franchise ad essere totalmente online.

La storia principale è ambientata nel mondo di Astoltia, dove il giocatore inizierà la sua avventura nelle vesti di un semplice umano: un giovane orfano che vive pacificamente nel villaggio di Etene. Tuttavia, l’improvviso attacco di Negel, il Signore degli Inferi, trasferirà la sua anima in un santuario dove verrà collegata – a discrezione della scelta del giocatore – al corpo di un guerriero tra le sei razze disponibili: Umani, Orchi, Elfi, Nani, Puklipo e Weddie. Utilizzando i nuovi poteri e abilità ora a sua disposizione, l’Eroe viaggerà per i regni di Astoltia alla ricerca dei sacri emblemi che gli apriranno le porte della fortezza di Negel.

Come abbiamo già avuto modo di approfondire in passati aggiornamenti sul tema, Akira Toriyama ha collaborato attivamente alla produzione della serie di Dragon Quest sin dal primo episodio, lavorando come illustratore e character designer dei personaggi principali e dei loro nemici.

Dopo averne già ammirato la box-art Wii nella 137° opera della rubrica, per il gioco base di Dragon Quest X il Site ci mostra uno dei vari design del maestro per la Classe Umani maschile. L’enorme tartaruga al suo fianco era solo un’aggiunta casuale senza alcun preciso scopo, ma a Yūji Horii (iconico “papà” della serie Dragon Quest) piacque così tanto che lo volle inserire a nel gioco e dargli un ruolo nella storia.

PRECEDENTI AGGIORNAMENTI (DQX)
. 137° opera: gioco base
. 211° opera: terza espansione
. 223° opera: prima espansione
. 317° opera: seconda espansione

In patria il titolo è stato rilasciato il 2 Agosto 2012 sulla console Nintendo Wii, in una Standard e Bundle edition. La conversione Wii U arrivò il 30 Marzo 2013, seguita poi dalla versione PC il 26 Settembre 2013, Nintendo 3DS il 4 Settembre 2014, PlayStation 4 il 17 Agosto 2017 e Nintendo Switch il 21 Settembre 2017. Disponibile è anche una versione mobile, acquistabile sui sistemi iOS e Android già dal 16 Dicembre 2013. I server sono tutt’ora limitati al solo territorio giapponese, ma poco a poco continuano ad arrivare sempre maggiori input in merito a una possibile conversione occidentale. Non possiamo che attendere ulteriori sviluppi.

 

Seguiremo attivamente il progetto e vi segnaleremo tutti i nuovi post introdotti giorno per giorno. Per i precedenti aggiornamenti, vi rimandiamo al nostro tag dedicato: DBOS Toriyama Project.

 

Fonte:

DRAGON BALL OFFICIAL SITE

Related posts